COMUNICATO STAMPA

Si è appreso nella giornata del 25 luglio ’19 che presso la 4^ Brigata T.S.D.A.A.V. di Borgo Piave si avrà l’avvio di una esperienza di sperimentazione di una nuova modalità di “turnazione” definita H8 in luogo dell’attuale H12 normalmente prevista per quanto riguarda i servizi di vigilanza . Nel documento ufficiale, ormai da ore oggetto di un notevole tam tam mediatico, si evince quale giustificazione di questa ulteriore decurtazione della durata del turno (la prima, intercorsa inesorabilmente nell’eliminazione della turnazione H24 a vantaggio di una turnazione H12 per tutto il personale dell’Arma Azzurra) un ipotetico aumento “del costo-efficacia e qualità del servizio”. Le scriventi Associazioni Sindacali non trovano questa idea corrispondente a realtà. Il personale “Turnista” dell’Aeronautica Militare ancora oggi, ad anni dalla su citata modifica della composizione standard(H24) del turno, continua a pagare le conseguenze, soprattutto nella sfera privata e dei rapporti familiari, delle scelte di una amministrazione che non si è dimostrata attenta ai bisogni dei suoi uomini e donne impegnati diuturnamente nello svolgimento delle mansioni che rendono questa Aeronautica sempre pronta ed efficace al servizio dello Stato e dei suoi cittadini. Non ravvediamo, nell’ipotesi specificata, un effettivo ed efficace beneficio per il personale turnista che con questo tipo di turnazione si troverebbe privo di idonei recuperi psicofisici. Nello specifico, ci è doveroso sottolineare che spesso il personale impiegato come turnista è personale domiciliato lontano dalla sede di servizio e che ritiene la classica turnazione un buon compromesso per gestire in una maniera ottimale il connubio lavoro/vita privata risolvendo agilmente l’impossibilità a movimentazioni verso le zone di interesse. Siamo consapevoli che quella descritta nella lettera di Stato Maggiore Aeronautica sia evidenziata e rimarcata come una “semplice” prova per valutare benefici e criticità della nuova modalità, ma le scriventi Associazioni non hanno dubbi riguardo l’evidente svantaggio che tale turnazione andrebbe a creare univocamente nel personale turnista, apportando un disagio che inevitabilmente graverebbe sulle famiglie militari proprio nel momento in cui la politica inizia a strizzare l’occhio alla tutela delle stesse. Ci sono già pervenute numerose segnalazioni e da diverse basi AM di colleghi preoccupati di questa involuzione sui diritti sul lavoro. Il personale non può e non deve pagare le carenze dello stesso dopo pesanti tagli ai quali i vertici non hanno fatto alcuna opposizione. Chiederemo, pertanto, un urgente incontro con il Capo di SMA per affrontare la delicata questione delle turnazioni in ambito aeronautico, in modo di poter arginare il più possibile queste ipotesi di variazione in negativo ed auspicabilmente trovare un confronto e dialogo a tutela del personale rendendoci megafono e filo conduttore tra la base ed il vertice della Famiglia Aeronautica, obiettivo principe delle nostre Associazioni Sindacali.

SIULM Sindacato Unitario Lavoratori Militari sindacato interforze di EI,AM,MM,CC,Gdf,Cp.

SIM Aeronautica Militare

Please follow and like us:
error20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *